Depressione bambini: diagnosticata con intelligenza artificiale

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

La depressione nei bambini è stata recentemente diagnosticata, in via sperimentale, utilizzando l’intelligenza artificiale: si tratta di un grande passo in avanti a livello medico, soprattutto in una società dove si pensa che l’ansia e la depressione siano problemi solo degli adulti.

Un atteggiamento generale che spesso e volentieri porta a rendere la diagnosi di queste malattie più complessa nei più piccoli, rendendo quindi più complicato l’approccio ed un’eventuale cura.  E’ per questo motivo che è stato accolto con estrema positività ciò che un gruppo di scienziati americani sono riusciti a fare, ovvero lo sviluppo di uno strumento di diagnostica basato sull’intelligenza artificiale in grado di riconoscere la presenza di questo problema.

E’ importante ricordare che i disturbi mentali che spesso “esplodono” in età adulta sviluppano le loro basi nel corso dell’infanzia, periodo nel quale non si fa troppa attenzione a segnali che possano indicare ansia o depressione a meno che gli stessi non si presentino con eccessiva veemenza.  I ricercatori dell’Università del Vermont, proprio per eliminare tale problematica hanno dato vita ad uno strumento diagnostico capace di riconoscere i sintomi dei due disturbi sopracitati partendo dal linguaggio del bambino.

Per raggiungere il loro scopo gli scienziati hanno lavorato con un campione di 71 bambini di età compresa tra tre e otto anni. E’ stato richiesto agli stessi di raccontare una storia di tre minuti in condizioni di stress elevato: elaborando i dati è stato quindi sviluppato un algoritmo che sembrerebbe essere in grado di eseguire una diagnosi di ansia o depressione con una precisione pari all’80% solo utilizzando le parole dei bambini.

Gli scienziati sono ora al lavoro per trasformare l’algoritmo in uno strumento di diagnostica clinica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>