La Leggenda di Lady Bruna -parte terza-

di Redazione Commenta

Spread the love

“Questa mi sembra una buona proposta” disse il vecchioi Cathal e fece l’accordo. Ma le donne parlarono tra loro e quando Margali fu condotta di fronte a Domenic per il matrimonio, disse:
“Sei pronto a sposarti in tutta fretta quando Armida fa parte della dote nuziale, ma io non sposerò un uomo con le mani sporche del sangue di mio marito. Sei disposto Domenic, a mettere la tua mano nel Fuoco di Hali e a giurare che non hai avuto parte, mnemmeno solo con malizia d’intenti, nela morte di mio marito e del padre di mio figlio che ti sei offerto così prontamente di adottare?” Domenic allora si adirò e chiese al vecchio Cathal: “Lasci che la tua casa sia governata da queste donne? Perché, benché sia la voce di Margali a parlare, le parole sono quelle di Lady Bruna, e io non mi piegherò al suo volere!”
Cathal gli chiese: “Allora non hai intenzione di giurare che non hai avuto nessuna parte nel provocare la morte di mio nipote e che non ti sei macchiato dle suo sangue?”

Giurerai su mia richiesta
“Non sono venuto per fare dei giuramenti che mi vengono imposti” disse Domenic, “ma per presentare un’equa offerta che possa essere d’aiuto per questo feudo. Non farò nessun giuramento su richiesta di una donna.”
“Ma giurerai su mia richiesta,” disse Cathal Leynier, “o non potrai sposare Lady Margali né oggi, né nessun altro giorno.”

Sarai tu a fermarmi vecchio?
Domenic rise, tirò la barba del vecchio Cathal e disse: “Sarai tu a fermarmi vecchio? E tu, Domna Margali, se non mi sposerai, ti farò sposare con uno dei miei fratelli e dato che hai rifiutato che il figlio di Kennard diventi mio figlio e che comandi poi le Guardie, allora mio figlio maggiore diventerà l’erede di Alton e sarà lui a comandare le Guardie.” Domenic Lindir continuava a ridere e tirò ancora la barba del vecchio Cathal, e gli sputò in faccia e lo scaraventò piangente a terra e disse: “Come potrai preservare il dominio per il tuo pronipote vecchio dalla barba grigia? E lui mi sfiderà dal grembo di sua madre oppure una di queste donne false lo farà al tuo posto?” Rise e se ne andò.

Avremo la nostra vendetta
E quando se ne fu andato Margali e Bruna aiutarono Cathal ad alzarsi, gli pulirono il volto, gli asciugarono le lacrime e lo confortarono dicendo: “Sire, avremo la nostra vendetta su quell’uomo.” “E come farete, siete due donne e una di voi due è incinta! Non avete ancora capito che il comando del Dominio degli Alton passerà nelle mani della stirpe di Lindir? Ti prego Margali, fai pace con Domenic e sposalo, per il bene del figlio di Kennard.”

Non c’è onore in una tomba
“Per il bene del figlio di Kennard,” disse Margali, “Non sposerò un uomo che ha sputato sui capelli grigi del suo venerabile antenato.”
“Non c’è onore in una tomba,” disse Cathal, “e presto è lì che andrò. Vi prego soltanto, prego voi donne, che in qualunque modo vada a finire, il figlio di Kennard non sarà nella tomba accanto a me! E non c’è nessuno in grado di comandare le Guardie finché lui non diverrà uomo.”

Fonte: Marion Zimmer Bradley, The Legend of Lady Bruna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>