Cioccolato e bambini, sfatiamo alcuni miti

di Redazione Commenta

Spread the love

 

I bambini vanno letteralmente matti per il cioccolato, soprattutto quello al latte, ma anche il fondente, con le nocciole o il riso soffiato e chi più ne ha, più ne metta! Ma fa davvero male? Ecco alcuni miti da sfatare nel rapporto tra cioccolato e bambini: la regola di base è quella di usare sempre il buon senso. Un pezzettino di dolce è gratificante, purchè non si esageri e venga concesso in occasioni speciali, troppo è dannoso per la salute. In linea generale i pediatri sconsigliano di dare cioccolato a bambini al di sotto dei due anni, poiché il loro fegato non è ancora abbastanza maturo per poter smaltirne alcuni componenti.

Concedete un pezzetto, piccolo di cioccolato al vostro bambino dopo i 24 mesi ma fate attenzione che si tratti di un prodotto di qualità: il cioccolato poco dannoso è quello che contiene più del 30% di cacao, secondo le norme europee. Il cioccolato fondente è quello con meno controindicazioni, favorisce il buon umore e il buon funzionamento cardiaco, mentre sono più grassi e meno sani i cioccolatini contenenti nocciole o altre aggiunte, perchè hanno una percentuale maggiore di grassi e possono contribuire alla determinazione dell’obesità infantile.

Il cioccolato ha un alto valore nutritivo perché contiene proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, sali minerali e altre sostanze che stimolano la produzione di serotonina, inoltre ha un indice glicemico relativamente basso. Sfatiamo anche il mito del colesterolo: con una tazza di cioccolata si assimilano circa 8 milligrammi di colesterolo, la stessa quantità contenuta in 100 grammi di yogurt naturale parzialmente scremato. Unica cosa cui fare attenzione, la presenza di caffeina e teobromina, due sostanze, presenti in piccole dosi nel cioccolato che hanno un effetto eccitante, ma aumentano anche la concentrazione. Meglio evitare quindi il cioccolato la sera prima della nanna, piuttosto concedetelo nel pomeriggio quando si fanno i compiti!

Fonte: casa delle fate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>