Consultori familiari: cosa sono e a chi servono

di Redazione Commenta

Spread the love

I problemi che i genitori possono incontrare nel corso della vita sono infiniti e spesso, in caso di problemi, ci si ritrova da soli senza sapere bene come affrontare un periodo difficile. Molte persone ancora non sanno che in ogni Comune o ASL sono presenti dei consultori familiari, dei presidi multi-professionali di prevenzione e assistenza sanitaria, psicologica e sociale pensati per l’individuo e la famiglia che si trovano in difficoltà in varie fasi della vita. Nei consultori familiari lavorano ginecologi, andrologi, assistenti sanitari, ostetriche, infermiere professionali, psicologi, assistenti sociali e avvocati. Le attività e i servizi dei consultori familiari sono organizzati secondo il lavoro di équipe di vari professionisti, che collaborano al fine di aiutare tutti i cittadini a far fronte ai loro bisogni e a garantire la tutela della salute.
Ma vediamo di capire di più…

Chi può rivolgersi al consultorio familiare
Tutti possono recarsi ai consultori familiari: ci si può recare in qualsiasi Consultorio di qualsiasi Città, anche se non si è nemmeno residenti in Italia.
Ci si può recare al Consultorio indipendentemente dall’età, quindi anche se minorenni. I professionisti del consultorio familiare sono inoltre tenuti al segreto professionale, dunque non si corrono i pericoli di denunce alle autorità nel caso di clandestini e/o irregolari o che in alcun modo la propria privacy venga violata.
In tutti i Consultori Familiari è inoltre attivo lo Spazio Adolescenti: questo vuol dire che i ragazzi hanno la priorità sulle visite e non devono seguire le liste di attesa.

Cosa si deve fare al consultorio familiare
I servizi offerti dal Consultorio Familiare sono tutti gratuiti e non c’è bisogno di fare alcuna richiesta al proprio medico. Per ottenere una visita basta telefonare o recarsi al Consultorio Familiare e fissare un appuntamento.

Aiuto in caso di gravidanza
In caso di gravidanza, il personale sanitario del Consultorio fornirà una consulenza adeguata volta ad accertare eventuali incompatibilità genetiche, lo stato di salute e prescriverà una serie di analisi cliniche utili a prevenire alcune patologie in gravidanza.

Aiuto in caso di sterilità
Se invece la gravidanza non arriva, al Consultorio Familiare si possono esporre al medico dubbi e paure, ottenere informazioni corrette ed essere indirizzati presso i Centri specialistici appropriati. Sarà il medico, se lo riterrà opportuno, a prescrivere alcuni esami clinici miranti ad accertare o ad escludere l’ipotesi della sterilità.

Aiuto per la contraccezione
Al Consultorio Familiare si possono trovare tutte le informazioni per una efficace contraccezione, oltre alla possibilità di ottenere la prescrizione o di ricevere gratuitamente il contraccettivo più idoneo.

Aiuto per l’interruzione volontaria della gravidanza
La Legge Nazionale N. 194del 22 Maggio 1978 disciplina la materia dell’Interruzione Volontaria di Gravidanza (I.V.G.). L’interruzione volontaria di gravidanza deve avvenire entro i primi 90 giorni dal concepimento.
Se la richiesta di I.V.G. avviene entro i primi 90 giorni di gravidanza, è necessario seguire un iter previsto dalla legge. Ci si può rivolgere al Consultorio Familiare tenendo presente che la legge prevede, comunque, la possibilità di rivolgersi ad un medico di fiducia o ad un reparto ospedaliero.
L’iter da seguire è questo:
* Il ginecologo del Consultorio Familiare ti sottoporrà ad una accurata visita medica e, ove possibile e necessario, ad un esame ecografico per accertare lo stato di gravidanza e la data d’inizio della stessa.
* Se esistono le condizioni fisiche e di legge (il termine di 90 giorni), ti rilascerà un certificato in cui attesterà il tuo stato di gravidanza e la tua richiesta di interromperla. Dovranno però passare ancora 7 giorni (che decorrerano dalla data del certificato medico) prima che tu possa materialmente ottenere l’interruzione della gravidanza. Tale termine è previsto dalla legge proprio in considerazione della delicatezza della tua scelta e delle sue ripercussioni dal punto di vista psicologico.
* Il certificato non ti vincola in alcun modo, puoi decidere di strapparlo e di tenere il bambino.
* Durante questi sette giorni puoi comunque andare in ospedale e prenotare l’interruzione di gravidanza.

Aiuto per la menopausa
Al Consultorio Familiare troverai persone in grado di rispondere a tutti i tuoi dubbi, di sostenerti in questa delicata fase della vita e di aiutarti ad alleviare tutti i disturbi legati alle variazioni ormonali che avvengono nel tuo corpo. Nelle strutture consultoriali esiste, infatti, lo “Spazio Menopausa”, ossia un servizio destinato alla prevenzione dei disturbi legati a questa particolare fase della vita. Alcuni Consultori Familiari sono dotati di attrezzature quali i densitometri ossei: si tratta di apparecchi in grado di stabilire la densità dell’osso e quindi il grado di osteoporosi.

Aiuto per il pap-test
Il Consultorio Familiare, seguendo la salute della donna in tutte le sue fasi, dall’adolescenza fino alla menopausa, potrà costituire per te un utile punto di riferimento per effettuare regolarmente sia le visite mediche sia il pap-test. Con quest’ultimo termine si intende una semplice analisi indispensabile a prevenire i tumori della sfera genitale femminile. L’esame richiede pochi minuti e consiste nel prelevare una piccola quantità di muco dal collo dell’utero. Il ginecologo del Consultorio, inoltre, effettuerà un esame al seno e ti indicherà alcuni semplici metodi di autopalpazione che ti consentiranno di controllare, tranquillamente a casa, l’eventuale comparsa di noduli al seno.

Aiuto per i problemi con il partner o con i figli
Può succedere, in alcune fasi della vita, di sentire il bisogno di discutere con qualcuno dei propri problemi. In ogni Consultorio Familiare è presente uno psicologo al quale è possibile rivolgersi per una consulenza psicologica o per un sostegno psicoterapico. Anche in questo caso l’intervento è gratuito. Insieme allo psicologo potrai cercare di decifrare ed interpretare il tuo stato di malessere e decidere di intraprendere, ove necessario, un percorso terapeutico. Talvolta il tuo malessere non è invece solo di ordine psicologico ma è dovuto a situazioni contingenti, a problemi per te difficili da capire, da affrontare e da risolvere.
L’Assistente Sociale, presente in tutti i Consultori Familiari potrà costituire per te un valido aiuto.

Per maggiori informazioni: www.paginesanitarieonline.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>