I più celebri fumetti per ragazzi

di Sara Aiello Commenta

In un’era in cui smartphone e tablet sono entrati nelle vite di tutti i noi ed i videogiochi sembrano essere diventati il passatempo preferito dei ragazzi, i fumetti sembrano qualcosa di anacronistico.

Eppure intere generazioni sono cresciute sfogliando fumetti e sognando di diventare come il supereroe preferito, scatenando la fantasia e immaginando, attraverso quelle storie di carta, nuovi mondi da scoprire.

 

Come dimenticare i fumetti del celebre settimanale per ragazzi Topolino, con i fantastici personaggi di Topolinia e Paperopoli, che hanno fatto compagnia ad intere generazioni e che é diventato forse il fumetto più amato e collezionato d’Italia?

I celebri fumetti de I peenuts, che con le avventure di Snoopy ed i suoi amici, hanno ammaliato grandi e piccini.

Così come i famosi fumetti dei più grandi supereroi quali Batman e Spider Man, da sempre amati da tutti i ragazzi, anche nelle loro versioni cinematografiche.

Da menzionare obbligatoriamente anche il celebre fumetto Corto Maltese, uno dei personaggi più affascinanti dei fumetti, creato da Hugo Pratt nel 1967.

E ancora la simpaticissima Mafalda, la bimba dalla chioma ribelle e dall’animo anticonformista, icona di intere generazioni.

Sempre in tema supereroi, occorre menzionare il celebre personaggio dei fumetti Superman, che rimane da sempre uno dei personaggi preferiti di grandi e piccini.

Ancora, Lupo Alberto, striscia a fumetti che prende il nome dal personaggio principale; il celebre lupo che ama una gallina, entrato nella storia del fumetto italiano e che proprio quest’anno ha compiuto 40 anni.

Di fumetti per ragazzi ce ne sarebbero tantissimi, questi sono solo alcuni dei fumetti che vale la pena ricordare e che dovrebbero essere, ancora oggi, oggetto d’interesse e momento di svago per tutti i ragazzi, anche di quelli nati nell’era della tecnologia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>