Il commuovente video di una bimba che scopre la pioggia per la prima volta

di Sara Aiello Commenta

http://www.youtube.com/watch?v=B5Z0yZ3TTA0

Le loro prime scoperte, il loro dolce e stupito sguardo nello scorgere il mondo, con la voglia di curiosare e di tenere desta la loro attenzione, perché per loro ogni singola novità è un traguardo ed un passo verso la conoscenza delle piccole cose.  Sono i bambini, con la loro innocenza a ricordarci che ogni avvenimento è importante. Perché se è vero che “la bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva”, i bambini ne sono la prova assoluta. Come il caso di questa piccola bimba asiatica che scopre per la prima volta uno dei fenomeni naturali per tutti ormai scontato e banale: la pioggia. Un video che ha già fatto il giro del mondo, tanto da diventare “virale”, tanto da commuovere tutti ed in grado di far tornare bambini; quando la curiosità è spontanea e naturale, priva di malizia, priva di secondi fini; quando è spesso la natura a fornire gli stimoli per crescere e far parte consapevolmente di questo mondo.

Chissà cosa avrà pensato questa dolcissima bimba quando le sue manine hanno toccato la pioggia, leggera, fredda, quando ha sentito il tipico odore d’azoto di essa, quando le si sono bagnati i capelli e lei noncurante ha continuato, col sorriso in bocca, a guardare il cielo e a stupirsi, pensando a quante cose belle esistono in questo mondo.

Per questo, stimolare la curiosità e la fantasia dei bambini è compito fondamentale dei genitori. Solo così i bimbi potranno conoscere al meglio e farsi un’idea chiara dell’ambiente che li circonda. Aiutarli ad esplorare il mondo, rispondere ai loro incessanti “perché” con risposte sensate e chiare è importante, così come ha fatto la mamma della piccola Keyden, il nome della protagonista del video, che ha lasciato che la figlia potesse “toccare con mano” ciò che la incuriosiva , infischiandosene se potesse prendere freddo e potesse bagnarsi, ma lasciandola trasportare in questo piccolo “viaggio sensoriale” che, di certo, l’ha resa un po’ più grande e di sicuro felice.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>