Triclosan neurotossico per i bambini?

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Il triclosan è neurotossico per i bambini? Una ricerca condotta internazionalmente ha acceso i riflettori su un antibatterico contenuto in molti detergenti utilizzati anche sui neonati: secondo i risultati influenzerebbe la normale funzionalità tiroidea e lo sviluppo cerebrale nelle prime fasi della vita.

Già in passato questa sostanza era stata messa sotto accusa perché aveva mostrato di avere effetti cancerogeni per il fegato e di essere in grado di alterare la flora microbica intestinale. Ora si ha il timore possa interferire con il normale sviluppo cerebrale nei neonati. A lanciare l’allarme ci pensano gli scienziati della Brown University insieme a quelli di altre università statunitensi con uno studio recentemente pubblicato su Environmental Health Perspective. Ed ad essere messa sotto accusa in particolare è l’esposizione al triclosan delle madri prima della nascita dei figli: il triclosan è infatti riscontrabile anche all’interno di giocattoli o tessuti.

I ricercatori hanno preso in analisi l’urina di madri e figli a partire dal secondo trimestre di gestazione fino agli 8 anni di età dei piccoli: in tutto 198 bambini, successivamente sottoposti ad alcuni test d’intelligenza, tra i quali figura il Wechsler Intelligence Scale for Children-IV, che fornisce una misura delle capacità cognitive globali (FSIQ-score). Quel che è stato notato è che più alta era la concentrazione di triclosan nelle urine, più le abilità cognitive risultavano ridotte. Ovviamente dovranno esservi studi più approfonditi prima di affermare con certezza quanto questa sostanza possa essere pericolosa: di certo i dati finora raccolti mostrano che prestare attenzione alla presenza o meno di questo elemento è consigliato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>