Animali in casa durante la gravidanza, quali sono i veri rischi?

di Paola Valeri Commenta

Qualche giorno fa in una nota trasmissione televisiva, un altrettanto noto medico e giornalista ha consigliato ad una futura mamma di allontanare eventuali animali domestici durate il periodo precedente alla gravidanza e per tutti i nove mesi della gestazione. Il pericolo è quello di contrarre la toxoplasmosi da proprio animale e mettere a repentaglio la vita del bambino.

I veterani italiani sono in rivolta contro questa affermazione: quali sono i reali rischi derivanti dall’avere un animale domestico durante la gravidanza?

Secondo l’Anmvi, Associazione nazionale medici veterinari italiani, che ha dato voce a questa protesta, prendendo le dovute precauzioni non ci sono rischi né per la gestante né per il bambino e il consiglio dato da Luciano Onder potrebbe essere di incentivo all’abbandono degli animali.

I veterinari dell’Amvi spiegano che grazie alle conoscenze acquisite sulle modalità di trasmissione di questa malattia, con una gestione attenta dell’animale – soprattutto del gatto, principale imputato della trasmissione della toxoplasmosi – non si corrono rischi rilevanti. Il motivo principale è che la contaminazione avviene tramite contatto con le feci dell’animale ma non nell’immediato, per cui è sufficiente cambiare la lettiera tutti i giorni per non correre pericoli.

I gatti casalinghi, inoltre, dal momento che mangiano quasi esclusivamente alimenti confezionati non sono a rischio di toxoplasmosi.

Per avere la certezza di nono correre alcun rischio, poi, è sufficiente fare le analisi del sangue sia alla gestante che al gatto, se uno dei due ha già avuto la toxoplasmosi il rischio è praticamente azzerato.

Il vero pericolo di contagio, poi, arriva dalla carne, dalla frutta e dalla verdura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>