Pippi gioca a prendersi con la polizia-2-

di Redazione Commenta

Spread the love

“Io sono già sistemata in una Casa del Bambino” disse Pippi.
“Come? E dire che era già tutto stabilito!” esclamò uno dei due poliziotti. “E dove sarebbe dunque quest’altra Casa del Bambino che dici tu?”
“Qui” rispose Pippi con fierezza. “Io sono una bambina, e questa è la mia casa: non si tratta dunque di una Casa del Bambino? E, quanto a sistemazione, vi assicuro che sono sistemata proprio comodamente!”
“Ma bimba mia” disse il poliziotto, e sorrise, “evidentemente non mi sono spiegato bene: tu devi entrare in una vera Casa del Bambino, e avere qualcuno che ti controlli”.
“Permettono di tenere i cavalli nella vostra Casa del Bambino?” chiese Pippi dubbiosa.
“Certo che no” rispose il poliziotto.
Ah, è così?” sbottò Pippi “E allora andate da un’altra parte a procurarvi dei bravi giovinetti adatti alla vostra Casa del Bambino. Io non mi ci trasferisco di sicuro!”
“Ma non capisci che è necessario che tu vada a scuola?” disse il poliziotto.
“Perché dovrei andare a scuola?”
“Per imparare tante belle cosine”.
“Che tipo di cosine?” si informò Pippi.
“Tutto ciò che è impossibile imparare” spiegò il poliziotto: “una enorme quantità di nozioni utili, come la tavola pitagorica, per esempio”.
“Me la sono cavata perfettamente per ben nove anni, senza bisogno della tavola pitagorica” disse Pippi, “e posso continuare allo stesso modo”.
“Sarà, ma immagina quanto ti peserà la tua ignoranza. Pensa se, quando sarai grande, qualcuno ti chiederà qual’è la capitale del Portogallo e tu non saprai rispondere!”
“Certo che saprò risponder” esclamò Pippi. “C’è un’unica risposta per un tipo simile: se proprio muori dalla voglia di spere come si chiama la capitale del Portogallo, per amor di Dio, scrivi subito in Portogallo, e te lo sapranno dire”.
“Ma non pensi che ti sentiresti un po’ mortificata a non saperglielo dire tu stessa?”
“Può darsi” disse Pippi. “Può darsi che mi capiti di rimanere sveglia fino a tarda notte a furia di chiedermi: ma come diavolo può chiamarsi la capitale del Portogallo? Del resto, ognuno ha le sue preoccupazioni” concluse, e si mise a camminare avanti e indietro sulle mani.
Fonte: Pippi Calzelunghe di Astrid lindgren

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>