Peluche intubati per i bambini malati in ospedale

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Peluche intubati per i bambini malati in ospedale: un’iniziativa che ha avuto luogo a Glasgow e che punta a far sentire meno soli i piccoli malati che si trovano ricoverati per diverse patologie. Una scelta azzeccata?

A vedere la risposa dei più piccoli sembra proprio di sì. Soprattutto perché aiutano a creare una sensazione di normalità per i più piccoli in un contesto che è spesso difficile da vincere. Nello specifico questi “teddy bear” sono creati da Fiona Allan, una ragazza di 28 anni affetta da una grave malattia genetica che la costringe a vivere con un catetere chirurgico e un sondino nasale. La giovane si è ispirata alla sua stessa vita per creare questi pupazzi. Ha spiegato alla BBC:

Così si sentono normali. I bambini malati hanno spesso un fratello sano. Con il mio orsetto anche quest’ultimo si abitua alla condizione del piccolo in cura, può giocare con lui e persino imparare cosa fanno i genitori per accudirlo e medicarlo, perché toccare e tirare i tubi a un peluche non causa nessun danno.

Questi giocattoli sono molto richiesti ed il motivo per il quale questo accade è palese grazie anche alla BBC che ha raccolto la testimonianza di una mamma che ha regalato alla propria figlia uno degli orsetti intubati:

L’orsacchiotto ha aiutato mia figlia ad adattarsi ai dispositivi medici che ha. La distrae mentre infiliamo o togliamo quelli veri da lei ed è facile spiegare agli altri bambini perché lei ha bisogno di tutte le sue valvole per vivere.

Al momento Fiona ne ha realizzati 20 ma sembra chiaro che altri modelli seguiranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>