Bambini e libri: sono loro i grandi lettori italiani

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Sono i bambini quelli che leggono di più in Italia: un segno di speranza per il futuro ed il segno che da questo punto di vista i più piccoli in età scolare sono ben seguiti e curiosi di conoscere il mondo attorno a loro anche se solo attraverso le pagine di un romanzo.

I dati raccolti dall’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sui consumi culturali, in collaborazione con Pepe Research presentata a Tempo di Libri, la Fiera internazionale dell’Editoria, parlano chiaro: il 69% dei bambini dagli 0 ai 13 anni legge libri ed apprezza farlo ed a prescindere dal supporto sul quale sono contenuti i testi (inserendo quindi nella stima anche ebook ed audiolibri), tale percentuale passa all’82% del totale. Qualcosa che non si può dire degli adulti. Si scende un po’ per quel che concerne il segmento della fascia 14-75 anni ma i dati rimangono comunque molto positivi.

Va detto che l’avere un approccio facilitato alla tecnologia ha reso i bambini più avvezzi ad imparare a leggere ed a coltivare questa capacità: certo, vi sarebbe bisogno di mantenere un controllo su quello che è il navigare in internet degli stessi ed il loro uso dello smartphone ma per assurdo tale “passione” è riuscita ad influenzare i minori in modo positivo nei confronti dei libri e della loro capacità di intrattenimento.

I 59% dei bambini dagli 0 ai 3 anni “legge” libri tattili, attivi e pop up per poi passare intorno ai 6 anni di età, a prescindere dalla propria precocità all’atto del leggere. L’autonomia nei temi viene cercata già tra i 4 ed i 6 anni per poi essere raggiunta quasi completamente nel corso della pre-adolescenza tra i 10 ed i 13 anni.  Piccola curiosità: anche se di poco le bambine preferiscono il classico libro cartaceo rispetto ai bambini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>