Bambini in piscina sin da piccoli

di Sara Aiello Commenta

Che sia primavera o estate, capita di frequentare la piscina. Ma come vi comportate con i vostri bambini? Sono molti i bambini che non amano molto l’acqua o che addirittura, ne sono terrorizzati.

Cosa fare in questi casi? Per far fronte alla paura dell’acqua bisogna sicuramente evitare di forzarlo ad entrare in acqua (che sia al mare o in piscina) ed aiutarlo pian piano ad avere fiducia e sentirsi sicuro. Un ottimo espediente è l’utilizzo del salvagente o dei braccioli o aiutare a superare la paura con piccoli giochi da fare in acqua o in riva al mare.

Sarebbe opportuno abituarli a nuotare sin da piccoli (prima dei 3 anni) perché in genere la paura dell’acqua comincia a manifestarsi dai 5 ai 12 anni. L’acqua rappresenta infatti uno stimolo per la crescita e per lo sviluppo psico-motorio del bambino. Acquisisce una buona postura, un buon controllo respiratorio e dal punto di vista psicologico rafforza la relazione col genitore e accresce la fiducia in se stessi.

La piscina, inoltre, non costituisce un pericolo per la salute anzi, i rischi di non riuscire a nuotare o di non essere a proprio agio in acqua, sono maggiori. Insegnare ai bimbi l’acquaticità può invece risolvere non pochi problemi.

Anche la quantità di cloro che contiene una piscina non è affatto dannosa per la pelle dei più piccini e anzi previene qualsiasi tipo di infezione batterica. Importante inoltre, insegnare loro la tecnica del galleggiamento in modo che sappiano sempre cavarsela quando sono in acqua.

Di certo i mesi come aprile, maggio e giugno sono ideali per incominciare qualche ora di piscina in vista delle prossime vacanze al mare.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>