I pidocchi che grattacapi….vediamo come si scopre l’infestazione e come combattere i parassiti

di Redazione Commenta

Spread the love

Il pidocchio è un vero e proprio grattacapo per tutti i bambini in età scolare. E’ un parassita che ogni anno è responsabile di un milione e mezzo di infestazioni. Il contagio si verifica solitamente per contatto, più raramente con lo scambio tramite i cappellini, sciarpe o accessori per i capelli.

Come si scopre l’infestazione? La diagnosi si effettua ispezionando bene tutta la chioma e il cuoi capelluto del bambino. Questa deve avvenire in una zona ben illuminata e potete aiutarvi con un pettine a denti stretti. Il segnale è la presenza delle lendini che sono le uova del pidocchio. Sono di color marrone chiaro e sono rivestite da una sostanza collosa che ne ostacola la rimozione. Le zone dove si annidano con maggiore facilità le lendini sono quelle dietro la nuca e le orecchie. A volte c’è anche prurito.

Come combattere i parassiti? Per prima cosa bisogna cercare di intervenire tempestivamente facendo un trattamento con prodotti topici efficaci sia contro i parassiti che con le uova. Poi bisogna rimuovere le lendini aiutandosi con un pettine a denti stretti. E’ opportuno dopo 10 giorni ripetere il trattamento e infine rifare una bella ispezione al cuoi capelluto.

Prevenire il contagio è possibile? Bisogna ricordarsi che l’uso di prodotti per debellare i pidocchi a scopo profilattico e’ vivamente sconsigliato in quanto potrebbe facilitare lo sviluppo di resistenze. L’unica misura efficace è la diagnosi tempestiva cioe’ ogni tanto controllare la testa al bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>