Errori da evitare nell’alimentazione dei bambini dai 6 ai 36 mesi

di Paola Valeri Commenta

Mediamente i bambini italiani smettono di essere allattati al seno all’età di nove, periodo nel quale i piccoli iniziano a nutrirsi con cibi più solidi. Lo svezzamento è una tappa importantissima per lo sviluppo del bambino, una transizione tra due tipi completamente diversi di alimentazione che se non viene fatto nel modo corretto può portare a delle conseguenze a lungo termine.

► La dieta in gravidanza influenza l’intelligenza del bambino

Nello specifico, come dimostra una recente ricerca condotta da Nutrintake, con il coordinamento di Gianvincenzo Zuccotti, direttore della Clinica pediatrica L.Sacco di Milano, le mamme italiane tendono a considerare i bambini dei ‘giovani adulti‘ già dopo i primi nove mesi di vita e hanno la tendenza a dare loro gli stessi cibi del resto della famiglia.

Nulla di più sbagliato secondo i ricercatori, che mostrano, dopo aver analizzato le diete di un campione di oltre 400 bambini italiani dai 6 ai 36 mesi, a quali problemi porta una dieta non specifica per il bambino. Far mangiare al bambino di età inferiore ai 36 mesi gli stessi cibi che mangiano gli adulti porta a:

– eccesso di proteine: fino a 12 mesi la metà dei bambini ne assume il doppio rispetto al fabbisogno raccomandato; dopo l’anno di vita, il livello di proteine nella dieta dei bambini arriva anche a quasi tre volte rispetto al reale fabbisogno;

► Allattamento al seno: tutti i vantaggi

– mancanza di ferro: dallo svezzamento in poi, esiste un consistente deficit di ferro per la maggior parte dei bambini sotto ai tre anni di vita;

– eccesso di sodio: le mamme italiane hanno l’abitudine di mettere il sale nelle pappe già prima dell’anno, a partire dai 18 mesi un bambino su due consuma una quantità di sale che va oltre il limite raccomandato;

– eccesso di zuccheri semplici: dai 12 mesi in poi le mamme tendono a allentare il controllo sulle quantità di zucchero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>