Soldino

di Redazione Commenta

Spread the love

Soldino è il nome di una serie di fumetti per bambini e ragazzi, realizzata alcuni decenni fa, disegnata in prevalenza dal famoso fumettista Pierluigi Sangalli. Il protagonista della serie di fumetti per bambini e ragazzi, Soldino, è un bambino, presumibilmente di non molti anni di età, che è abbastanza intraprendente e coraggioso, ma alcune volte pare pauroso ed accorto, e dotato di una grande generosità ed allegria, che vive da sempre in una piccola casa con la nonna, Abelarda, co-protagonista, dotata di una forza straordinaria e praticamente invulnerabile, tranne che su un famoso callo situato sul tallone sinistro. Spesso compaiono anche altri personaggi dai nomi bizzarri, in genere antagonisti, come il Conte di Bancarotta ed il Duca Frittella. Il personaggio di Nonna Abelarda doveva essere, in origine, creato soltanto per l’omonima serie di fumetti per bambini e ragazzi, ma in seguito si è deciso di adottarlo anche per le edizioni di Soldino.
Nonna Abelarda è una sorta di Braccio di Ferro al femminile, il personaggio riscuote grande popolarità intorno agli anni Sessanta, tanto che il suo nome viene ancora oggi usato per indicare la classica “vecchietta tutto pepe”. Fortissima, quasi invincibile, Abelarda è l’amorevole nonna di Soldino, giovanissimo sovrano di Bancarotta, un piccolo stato in perenne deficit finanziario, anche per colpa dell’incompetente ministro Scartoffia. Nonostante i problemi, i pericoli insormontabili e i nemici più pericolosi, Nerone e la sua banda, Nonna Abelarda riesce con arguzia e ceffoni a rimettere ogni volta le cose al proprio posto, senza dimenticare il suo ruolo di educatrice e cuoca, perché Nonna Abelarda fa delle torte buonissime. Fra i tanti antagonisti, Malvagik, un ladro in calzamaglia ispirato a Diabolik.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>