La donna misteriosa

di Redazione Commenta

Spread the love

Agnomain di Crunniuc era un ricco latifondista irlandese. Sua moglie era morta dando alla luce uno dei suoi figli ed ora l’uomo viveva solo con i bimbi in una casa solitaria tra le montagne. Un giorno, quando era solo nella sua abitazione, vide una donna che si avvicinava. Anche da lontano, sembrava molto bella. Arrivata davanti alla porta, entrò in casa comportandosi come se avesse sempre abitato lì. Cominciò a svolgere i lavori di casa e ad accudire i bambini non appena i piccoli tornarono dalla passeggiata a cavallo. Quando arrivò la sera, la donna misteriosa preparò la cena, mise a letto i tre bambini e chiuse la casa per la notte. Da quel giorno la donna si comportò come una moglie e una mamma e nessuno le chiese mai da dove veniva e perché si era fermata nella casa di Agnomain. La vita della famiglia era molto migliorata e tutti erano più felici. “Questa donna ha portato la prosperità nella mia famiglia” era solito dire Agnomain. Un giorno Erin, questo era il nome della donna, portò i bambini alla fiera di primavera, in paese. Mise loro i vestiti più belli e li pettinò con cura. Quando stavano per uscire, Agnomain vide che la donna stava piangendo. “Perché sei triste, tesoro, che cosa c’è che non va?” le chiese l’uomo. “Niente, non preoccuparti” disse lei ed uscì. Per tutto il giorno l’uomo penso’ alle lacrime di Erin e non si dava pace. Il giorno dopo la costrinse a raccontare tutta la verità. Fu così che scoprì le sofferenze di Erin. Aveva avuto un marito e un figlio che le erano stati tolti da una fata malvagia ed invidiosa della sua felicità. Erin aveva cercato un po’ di sollievo alla sua solitudine, grazie ai bambini di Agnomain. Ma adesso per non mettere in pericolo tutta la sua famiglia, se ne doveva andare. A nulla valsero le preghiere dell’uomo. Erin lascio’ la casa la notte stessa. Forse in cerca di un’altra famiglia bisognosa d’affetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>