Le malformazioni dell’utero

di Martina Commenta

Molte donne purtroppo non sanno, perchè non si manifestano attraverso sintomi evidenti di avere dei piccoli difetti, delle malformazioni dell’utero; questi difetti purtroppo pososno causare aborti spontanei o difficoltà nel concepire ecco perchè una donna prima di decidere di avere un bambino dovrebbe richiedere un’ecografia pelvica oppure un’isteroscopia.

LE PRINCIPALI MALFORMAZIONI DELL’UTERO

UTERO SETTO

E’ la malformazione più comune  ed anche quella meno problematica; solitamente non dà problemi di infertilità ma può causare degli aborti anche ripetuti.  Se si soffre di questa malformazione si avrà l’utero diviso in due parti da un setto; può essere corretto eseguendo un’isteroscopia.

UTERO BICORNE

Anche questa malformazione come l’utero setto è molto diffusa; in questa, la parte più in alto dell’utero risulterà divisa in due ed alla fine termineranno in un unico collo. Questa malformazione può essere diagnosticata con certezza attraverso una laporoscopia; non causa infertilità ma può provocare aborti e anche parti prematuri. Si può operare chirurgicamente per rimuovere questa separazione mentre in gravidanza la futura mamma dovrà sottoporsi ad un cerchiaggio dell’utero.

UTERO UNICORNE

Questa malformazione è invece molto rara; vi è solo metà dell’utero, una sola ovaia e una sola tuba. L’altra parte o non è affatto presente o vi è un leggero corno. Purtroppo può causare infertilità. Si può anche in questo caso operare chirurgicamente; viene richiesto il cerchiaggio in gravidanza.

UTERO ARCUATO O A SELLA

Non si pensa possa causare problemi di infertilità e può essere diagnosticato grazie ad una steroscopia.

In ogni caso non fatevi mai prendere dal panico e parlatene con il vostro ginecolgo.

Photo Credits| lizdavenportcreative su Flickr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>