La gravidanza extrauterina

di Redazione Commenta

Spread the love

Tra le più comuni complicanze che possono insorgere durante il periodo di gravidanza vi è la gravidanza extrauterina, definita anche ectopica. La gravidanza extrauterina consiste in una condizione nella quale il feto si annida fuori dall’utero, nel 98% dei casi nella tube di Falloppio, ma anche nelle ovaie, nell’utero e meno frequentemente nell’addome.

Da cosa dipende? Da diversi fattori quali l’età della donna, dall’endometriosi ( una malattia del tessuto dell’utero), trattamenti di procreazione medicalmente assistita, infezioni o interventi.

Come si manifesta? Generalmente con secrezioni vaginali e conseguente sanguinamento.

Quali sono i sintomi? La gravidanza extrauterina si presenta nella maggior parte dei casi con frequenti dolori pelvici, con mestruazioni scarse o molto abbondanti, sensazione di malessere generale, capogiri e tachicardia.

Come viene diagnosticata? La gravidanza extrauterina può essere diagnosticata alla settima o ottava settimana di gravidanza quando si presentano i primi sintomi con un’ecografia transavaginale, e con il test beta-HCG, l’ormone fondamentale per lo sviluppo della gravidanza.

Come si cura? Dipende ovviamente dalla gravità della situazione. Se è stata effettuata una diagnosi precoce e quindi la gravidanza è ancora nella fase iniziale si interviene farmacologicamente. Se la gravidanza si presenta in uno stato avanzato e quindi con dolori e emorragie, in quel caso sarà necessario intervenire chirurgicamente.

Nonostante il rischio di mortalità risulti basso, la gravidanza extrauterina rappresenta una delle complicanze più gravi che possono compromettere lo sviluppo del feto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>