Il Museo del Burattino di Bologna

di Redazione Commenta

Spread the love

In località Budrio, in provincia di Bologna c’è un museo che è anche un teatrino, un museo dei burattini, un museo dove bambini e ragazzi possono tuffarsi in un viaggio fantastico alla scoperta di quei burattini che tanto affascinavano i bambini e i ragazzi di altri tempi e che oggi sembrano interessare principalmente un pubblico più adulto.
Il Museo del Burattino viene inaugurato il 16 dicembre del 2000 dopo l’uscita del catalogo del Museo del Burattino a cura dei coniugi Rita Pasqualino e Vittorio Zanella.
Il Museo del Burattino è stato allestito nei locali, restaurati dall’architetto Antonio Nicoli, della Casina del ‘400 in via Mentana n. 19 a Budrio, Bologna.
La passione e l’amore di Vittorio Zanella e la moglie Rita Pasqualini per i buratini li hanno portati, nell’arco di 20 anni, ad acquisire, da rigattieri, antiquari, altri collezionisti e direttamente dai nipoti e pronipoti di burattinai e marionettisti, centinaia di burattini, marionette, ombre, pupi, materiali scenici, e teatrini giocattolo anche di famiglie nobili.

La mostra itinerante
Da questa straordinaria raccolta è nata la mostra itinerante “C’era una volta un pezzo di legno”, che comprende 19 burattini di Augusto Galli burattinaio bolognese, allievo di Angelo Cuccoli, dall’età di 15 anni, creatore della maschera, o, carattere regionale Sganapino Posapiano (Magnazza o Squizzagnocchi) nel 1877 sostituendolo a Meneghino (milanese) usato dai Cuccoli.

Materiali scenici
Il Museo del Burattino ospita tra le tante altre cose anche i materiali scenici come quinte, cieli, scenografie (eseguite da scenografi del Teatro Comunale di Bologna nell’800), oggettistica di scena come cappellini, elmi, vestitini, spade, sciabole, pugnali, pivette, bastoni e l’impianto d’illuminazione della baracca che agiva nella “Casa del Soldato” di cui si trova lo stendardo, luogo dove si tenevano spettacoli per i reduci, i mutilati e le famiglie dei dispersi della guerra del 1915/18, 100 locandine dipinte a mano del repertorio e lettere autografe.

Conoscere la storia
Un occasione per bambini e ragazzi per conoscere la storia degli spettacoli di marionette e burattini che affascinavano i nonni che affascinano i nipoti e affascineranno i pronipoti con burattini e marionette sempre diverse, antiche e moderne.
Per maggiori informazioni visitate il sito web del Museo del Burattino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>