Influenza: 81 milioni di giorni di scuola persi ogni anno

di Redazione Commenta

Spread the love

Ben 81 milioni di giorni di assenza accumulati ogni anno dai bambini italiani iscritti alla scuola materna e a quella elementare, “per colpa di influenza, virus parainfluenzali e malanni vari. Assenza che si concentrano soprattutto nei mesi invernali, e in particolare fra i più piccini: 1.710.899 bambini di 3-5 anni“. A fare i conti per l’Adnkronos Salute, in occasione del picco influenzale, è Italo Farnetani, pediatra e docente a contratto dell’Università di Milano-Bicocca.
Abbiamo esaminato un totale di 5 milioni 93.473 bambini iscritti a materna ed elementare – spiega il pediatra – scoprendo che i più piccoli arrivano a perdere in un anno 36 milioni di giorni di frequenza, mentre alle elementari ne vanno in fumo 45 milioni. Fatte le debite proporzioni, e considerato che alla materna ci sono bimbi di tre gruppi di età, contro i cinque anni delle elementari, emerge come ad ammalarsi più spesso siano proprio i più piccini“.

Virus e anticorpi
Un dato che non stupisce il pediatra. “Nei primi 6 anni di vita si incontrano 40 agenti infettivi, dunque occorre del tempo prima di farsi gli anticorpi e arrivare a difendersi meglio“. Comunque in questo periodo dell’anno i virus influenzali e parainfluenzali la fanno da padrone e stanno colpendo “un po’ tutte le classi. Fra i più piccoli poi – aggiunge – è diffuso il virus respiratorio sinciziale, il rinovirus ma anche l’enterovirus, che provoca mal di pancia e diarrea“.

Come ridurre i giorni di malattia
Sotto i due anni, inoltre – prosegue il medico – è molto diffusa la diarrea da rotavirus, come sanno bene le mamme con piccoli all’asilo nido“. E se un certo numero di malanni l’anno è ‘fisiologico’, secondo Farnetani si potrebbe ridurre un poco, “più o meno del 20%”, la mole di giorni di lezione persi dai bambini.
Questo non facendo cure preventive – spiega – né mettendo il bambino sotto una campana di vetro, ma piuttosto puntando su un più attento controllo della convalescenza. Ad esempio – raccomanda il pediatra – nel caso di una congiuntivite, basta un’applicazione di un collirio antibiotico e poi il bambino può tornare a scuola e continuare tranquillamente la terapia prescritta. Nel caso della febbre, so di molti genitori che tengono i figli a casa per diversi giorni per ‘rinforzarli’. Ebbene, basta un giorno senza temperatura a casa e si può rientrare in classe tranquillamente. Inoltre il bambino può andare a scuola con la tosse“.
Insomma, senza sottovalutare i sintomi, ma anche senza inutili rinvii, “si potrebbero ridurre le assenze del 20%, per arrivare dunque a 65 milioni di giorni persi l’anno“, conclude Farnetani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>