Bimbi allergici e asmatici: arriva la carta dei diritti nelle scuole

di Redazione Commenta

Spread the love

I bambini allergici o asmatici hanno il diritto di vivere la scuola, in classe e all’aperto, il pranzo e la merenda, lo sport ed i momenti ricreativi con serenità e sicurezza. Parte da questo presupposto la ‘carta’ dei diritti dei piccoli che soffrono di queste malattie presentata, in occasione della sesta giornata nazionale del bambino allergico, al convegno, a Roma, organizzato al Policlinico Umberto I da Federasma Onlus (Federazione Italiana delle Associazioni di Sostegno dei Malati Asmatici e Allergici), Alama (Associazione Laziale Asma e Malattie Allergiche) e Siaip (Società Italiana Allergologia e Immunologia Pediatrica) in collaborazione con l’università capitolina ‘Sapienza’.

La carta dei diritti
Il documento raccoglie le raccomandazioni sulla gestione del bambino allergico a scuola. Oltre ad essere una linea guida per dirigenti scolastici, insegnanti e aziende sanitarie locali su come approntare le condizioni ambientali per prevenire le gravi reazioni allergiche e su come intervenire tempestivamente e in modo efficace nelle emergenze e nelle gravi crisi allergiche, è anche un primo approccio per il bambino affinché acquisisca comportamenti attraverso i quali gestire i disturbi allergici a scuola con l’insegnante e i compagni di classe.

I bambini allergici e asmatici
Nel nostro Paese dal 1950 ad oggi, si è passati da un 10% della popolazione colpita da una forma allergica, ad un allarmante 30%, compresi bambini ed adolescenti in età scolare“, spiega Giovanni Cavagni, coordinatore del gruppo di lavoro Federasma-Siaip. Il 10% dei bambini al di sotto dei 14 anni soffre di asma bronchiale, nell’80% dei casi provocata da allergie; il 18-20% soffre di rinite allergica, mentre il 10 % può presentare dermatite atopica, malattie che hanno nell’inquinamento indoor/outdoor e nel fumo di sigaretta due importanti fattori di rischio. A fronte di questi dati, secondo un’l’indagine condotta nelle scuole dal MIUR, meno del 43% di quelle italiane è in possesso del certificato igienico-sanitario che attesti condizioni idonee ad accogliere gli studenti senza esporli a rischi per la propria salute. Ed è totalmente assente una specifica normativa che regolamenti la gestione delle emergenze con personale preposto alla somministrazione di farmaci salvavita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>