Giochi all’aperto, cose da tempi andati. Ai bambini manca la libertà di muoversi e tempo libero

di Redazione Commenta

Spread the love

Niente più bambini nelle strade delle città italiane. Quella che potrebbe sembrare la naturale evoluzione della vita moderna è uno dei motivi alla base dei disagi degli adolescenti di oggi: abuso di alcol e droghe, suicidi, bullismo potrebbero essere spiegati anche dal fatto che “ai nostri piccoli manca oggi la libertà di movimento e il tempo libero“. A parlarne è stato Francesco Tonucci, responsabile dell’Istituto di scienza e tecnologia del Cnr e del progetto internazionale ‘Città dei bambini’ del Cnr, intervenendo a Roma al 66esimo Congresso della Società italiana di pediatria (Sip).

Spazi protetti e vigilati
Le città italiane, e specialmente le buone città – ha detto l’esperto – fanno molto per i bambini: dedicano all’infanzia notevoli risorse economiche e umane, ma non rispondono alle loro reali esigenze. La città prepara infatti per i bambini spazi separati e specializzati come giardinetti, ludoteche, parchi tematici e tutte le proposte educative. Sempre spazi protetti e vigilati da adulti. La scuola occupa buona parte del tempo quotidiano con le ore di classe e con i compiti per casa. La famiglia impegna il tempo rimanente ‘regalando’ ai figli le scuole pomeridiane di sport, di lingua o di attività creative, ma pur sempre scuole. Il tempo che rimane viene trascorso davanti a uno schermo“.

Niente bambini per strada
In altre parole, “nelle nostre città stanno scomparendo il tempo libero e il gioco spontaneo, i bambini non si vedono più per strada. L’80% non gioca più all’aria aperta. Ecco perché occorre ripensare la politica delle città, restituire ai bambini l’uso della città come spazio pubblico“.
Credo che la differenza più importante fra l’essere bambino ai miei tempi – ha evidenziato Tonucci – è oggi la scomparsa del tempo libero. La possibilità di uscire di casa da soli per incontrarsi con amici, scegliere con loro un gioco e un luogo adeguato. Vivere insieme, anche se all’interno di un giusto confine di regole dettate dalla famiglia, le esperienze dell’avventura, della scoperta, del rischio, e non vedere l’ora di tornare a casa per raccontarle. Mentre i nostri genitori non c’erano noi potevamo approfittare per crescere, imparare, prepararci a vivere“.

La mancanza di esperienze autonome
Invece, “non potendo vivere esperienze autonome – ha spiegato lo studioso – i bambini non conoscono l’esperienza dell’ostacolo, del rischio, della frustrazione, del successo, nei tempi e nei modi giusti. L’assenza di queste esperienze ‘forti’, impossibili alla presenza di adulti vigilanti, produce un accumulo di desiderio che potrà realizzarsi solo quando i bambini non saranno più bambini, ma adolescenti. Quando avranno per la prima volta la chiave di casa in tasca o un motorino sotto il sedere“.

Gli errori educativi nell’infanzia
Secondo l’esperto, “gran parte di quelli che oggi consideriamo i drammi dell’adolescenza non siano problemi dell’adolescenza, ma conseguenze di errori educativi nell’infanzia. Chi non ha potuto fumare di nascosto a otto anni ha più facilità a subire il fascino dello spinello a 13, chi non ha potuto sbucciarsi le ginocchia in bicicletta è più facile che subisca incidenti gravi in moto“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>